EVENTI & COLLABORAZIONI


Nel corso degli anni C.P.M. ha ricoperto un ruolo sempre più attivo sia per quanto riguarda la partecipazione ad eventi che per quanto riguarda l'interazione con alcuni Istituti scolastici stabilendo una vera e propria collaborazione in modo tale da favorire la formazione degli studenti attraverso la possibilità di praticare stage formativi e contribuire alla realizzazione di idee e progetti



A questo proposito, la collaborazione per la realizzazione del progetto Robohand (esoscheletro terapeutico per la riabilitazione della mano) con l'Istituto Rita Levi Montalcini di Argenta e Portomaggiore ha raggiunto grandi risultati e riconoscimenti.


Antica Fiera di Portomaggiore 2018

L'IIS Montalcini inizia una proficua collaborazione con l'Azienda CPM di Castaldini s.r.l. di Portomaggiore


La scuola approda in Azienda grazie alla grande disponibilità della CPM di Portomaggiore. Lo scopo di questa fruttuosa collaborazione è quello di "costruire"" l'esoscheletro di una mano bionica con la funzione di riabilitazione in seguito ad un trauma subito.

Ovviamente i lavori sono alla fase iniziale: i collaboratori della CPM e i progettisti della parte meccanica ed elettronica ovvero i docenti del Montalcini Eugenio Chiarioni e Luigi Doria stanno studiando la fattibilità progettuale ed esecutiva dell'automa.

La mano, che verrà realizzata con i programmi Arduino per la parte elettronica ed Inventor per la parte meccanica, sarà poi operativamente costruita dalla CPM in alluminio attraverso frese di precisione. Si spera, con questo lavoro, di dare un contributo alla riabilitazione di quei pazienti che volessero sperimentare il prototipo realizzato dagli studenti del Montalcini con l'aiuto dei dipendenti della CPM.

Un grazie di cuore, quindi, alla CPM del sig. Castaldini e soci per l'enorme disponibilità e sensibilità dimostrata nel voler assecondare un progetto a cui studenti e docenti credono fermamente, perché la robotica e la meccanica asservite all'ambito sanitario possono veramente creare qualcosa di prodigioso.

(Ferrara Italia 9.06.2018)

Il Montalcini partecipa attivamente alla prima edizione di "Walking of the art"


Sabato 11 maggio 2019 si è snodato, per le vie del centro di Portomaggiore, un serpentone composto dai 150 partecipanti alla prima edizione di Walking for the Art.

La manifestazione, organizzata dall'Istituto Superiore "Rita Levi Montalcini", si è svolta nell'ambito della Festa dell'Agricoltura e del Volontariato ed ha visto anche la partecipazione di allievi/e e famiglie della scuola primaria di Portomaggiore. I partecipanti, tutti vestiti di arancio, hanno affrontato un percorso cittadino di circa tre chilometri che li ha portati in prossimità di alcuni punti di interesse storico e culturale legati al territorio.

Dalla piazza Umbero I camminando si è passati per il Teatro della Concordia, per palazzo Gulinelli sede della biblioteca "P. Impastato", per il parco dedicato all'aviatore Cesare Toschi, per la ciclabile costruita sulla copertura del canale Scolo Bolognese e per piazza Verdi. Durante il tragitto i partecipanti hanno ricevuto informazioni dei vari punti toccati dalla voce dei ragazzi del servizio civile e degli insegnanti di scienze motorie che si sono passati il microfono per raccontare anche alcune curiosità che hanno caratterizzato il recente passato del paese.

Al rientro i partecipanti hanno ricevuto un gadget regalato da Caramellomania ed hanno partecipato ad una maccheronata offerta dalla Festa e preparata dai volontari di Oasi Trava. Le magliette che hanno aggiunto una piacevole nota di colore son state offerte dalla ditta CPM di Portomaggiore.

(Ferrara Italia 13.05.2019)

L'esoscheletro terapeutico del Montalcini approderà tra pochi giorni alla fiera di Roma Maiker Faire 2018


Mancano Pochi giorni alla partecipazione da parte del docente LUIGI Doria e di due studenti della classe 5 A dell'Istituto Tecnico Tecnologico di Portomaggiore Alessandro Zucchini e Mattia Trioschi alla Maker Faire Rome 2018, il più grande evento europeo sull'innovazione. Il progetto dell' esoscheletro terapeutico di una mano (in gergo la "mano bionica") dell'ITT é stato, infatti, selezionato tra ben 240 progetti di scuole nazionali ed europee e così l'Istituto avrà a disposizione uno stand alla Maker Faire Rome, che si terrà dal 12 al 14 ottobre.

La Commissione tecnica dell'evento ha individuato solamente 55 elaborati tra i 240 iniziali di scuole superiori nazionali ed europee e il Montalcini fa parte di questa ristretta cerchia di progetti innovativi.

Molto forte, infatti, è stata anche la partecipazione degli istituti scolastici stranieri: greci, romeni, sloveni, spagnoli, ungheresi e tedeschi. Il prof LUigi Doria con i due studenti del Tecnologico Zucchini e Trioschi potranno illustrare e dare visibilità al loro progetto, che, ricordiamo, si é posizionato al secondo posto alle Olimpiadi di robotica di Milano 2018, sbaragliando ben 43 progetti concorrenti e strabiliando una giuria incantata e rapita dalla bravura degli studenti montalciniani.

In bocca al lupo per l'evento romano al prof Doria e ai suoi ragazzi ricordando che partecipare a Maker Faire Rome vuol dire dare visibilità alla propria scuola in modo serio e orgoglioso e stabilire importanti contatti in modo didattico-ludico.

L'Istituto Montalcini voleva, infine, ringraziare le aziende di Portomaggiore CPM di Stefano Castaldini e Stil.mec di Paolo Casarotto e Nicola Novelli, che hanno collaborato con la scuola per la realizzazione di alcune parti dell'esoscheletro e di una basamento, che verrano presentati alla Maiker Faire 2018.

(La Nuova Ferrara 10.10.2018)

Esoscheletro terapeutico


Gli studenti dell'Istituto Tecnico Tecnologico di Portomaggiore hanno portato a compimento, coordinati dal docente di Sistemi Automatici, prof Luigi Doria, il progetto di un esoscheletro riabilitativo durante le ore di progettazione del corsopomeridiano del venerdì pomeriggio "Laboratorio di idee e sperimentazioni".

In particolare lo studente Alessandro Zucchini della classe 5A EE ha disegnato e realizzato, utilizzando un software dedicato, il prototipo con stampante 3d in materiale termoplastico per verificarne il corretto funzionamento.

Il progetto è stato successivamente consegnato alla CPM di Portomaggiore, dove, grazie alla proficua e profonda collaborazione di questa azienda meccanica, è stato realizzato un prototipo metallico con macchine a controllo numerico e l'utilizzo di CAD/CAM e fresatura con filo di erosione.

Si ringrazia vivamente il titolare della CPM, signor Stefano Castaldini, per la disponibilità e la professionalità dimostrate durante i diversi incontri avuti con gli studenti autori del progetto sopra menzionato.

L'istituto, con la mediazione del Dirigente Scolastico Dott. Francesco Borciani, con l'USR di Ferrara, ha curato le pratiche per il deposito di brevetto dell'esoscheletro, visto anche l'interesse del Prof. Pier Paolo Borelli, specialista del polso e dellamano presso il PTC Phisical Therapy Center di Brescia.

(Ferrara Italia 23.05.2019)

Scuola lavoro e progetto "Made in Porto": un binomio vincente


Nell'incontro al Montalcini di Portomaggiore si è sottolineato l'importanza dell'inserimento lavorativo degli studenti

Portomaggiore. Incontro formativo, pregnante e avvincente sabato mattina al Montalcini, sede di Portomaggiore, alla presenza di rappresentanti dell'Amministrazione comunale portuense (assessore Alessandro Vacchi) delle aziende del territorio (Stefano Castaldini), del dirigente scolastico (Francesco Borciani) e del consulente della formazione professionale e coordinatore del progetto "Made in Porto 4.0" - un progetto che vuole mettere in comunicazione scuola, aziende del territorio e formazione professionale - Giampaolo Barbieri per parlare di alternanza scuola lavoro e dell'importanza che questa ricopre per la formazione ed il futuro degli studenti del Montalcini.

Tutti i rappresentanti hanno sottolineato l'importanza di essere uniti per aiutare l'inserimento lavorativo degli studenti venendo incontro alle esigenze formative della scuola e del territorio investendo a lungo termine in lavori che stanno diventando sempre più complessi e per i quali occorre un ventaglio di conoscenze, competenze, un impegno costante, variegato, preciso, flessibile, umile ed ambizioso contemporaneamente, facendo la "gavetta", diventando imprenditori di se stessi emulando esempi positivi, cercando di sperimentare differenti ruoli per capire quale sia il più confacente alle proprie qualità.

Di questo e di molto altro si è parlato in un clima di festa e di allegria per le esperienze di stage raccontate dalla voce degli studenti, per le premiazioni degli studenti di Ite ed Itt che hanno partecipato e vinto progetti nazionali di pregio notevole.

Al termine della conferenza l'inaugurazione con taglio del nastro dell'aula multimediale e di quella di robotica ed automazione e la simulazione di colloqui di lavoro tra gli studenti e gli imprenditori locali a confermare come il legame tra scuola e territorio sia l'arma vincente per arrivare lontano.

(Estense 27.05.2018)

L'esoscheletro degli studenti piace al Physical Therapy Center di Brescia


Il Montalcini deposita il brevetto per l'apparecchio riabilitativo visto l'interesse di Borelli, specialista del polso e della mano.

Portomaggiore. Gli studenti dell'istituto tecnico tecnologico di Portomaggiore hanno portato a compimento, coordinati dal docente di Sistemi Automatici Luigi Doria, il progetto di un esoscheletro riabilitativo durante le ore di progettazione del corso pomeridiano del venerdì pomeriggio "Laboratorio di idee e sperimentazioni".

In particolare lo studente Alessandro Zucchini della classe 5A EE ha disegnato e realizzato, utilizzando un software dedicato, il prototipo con stampante 3d in materiale termoplastico per verificarne il corretto funzionamento.

Il progetto è stato successivamente consegnato alla Cpm di Portomaggiore, dove, grazie alla proficua e profonda collaborazione di questa azienda meccanica, è stato realizzato un prototipo metallico con macchine a controllo numerico e l'utilizzo di Cad/Cam e fresatura con filo di erosione.

L'istituto Montalcini, nel "ringraziare il titolare della Cpm, Stefano Castaldini, per la disponibilità e la professionalità dimostrate durante i diversi incontri avuti con gli studenti autori del progetto", ha anche depositato il brevetto.

Con la mediazione del dirigente scolastico Francesco Borciani e con l'Usr di Ferrara, l'azienda ha curato le pratiche per il deposito di brevetto dell'esoscheletro, visto anche l'interesse del professor Pier Paolo Borelli, specialista del polso e della mano presso il Ptc Physical Therapy Center di Brescia.

(Estense.com)